Molecole, atomi e?

Bene. Non pensate a nulla di noioso. Ma è ovvio che per parlare di “scienza in cucina” abbiamo bisogno di parlare un pò di composizione della materia. Iniziamo con il dire che la materia è costituita da tanti piccolo pezzetti chiamate molecole. A loro volta le molecole sono composte da altre piccole particelle chiamate atomi. Gli atomi, a loro volta, sono costituiti da neutroni, protoni e elettroni. Ovviamente parliamo di elementi assolutamente non visibili singolarmente ad occhio nudo. Ovviamente noi riusciamo a vedere le conseguenze dell’unione di questi piccoli elementi : la materia di cui siamo fatti e che ci circonda. Ancora svegli? Si? Bene, sono contento…allora proseguiamo. Gli atomi sono composti da particelle subatomiche: protoni,neutroni ed elettroni. Protoni ed elettroni sono elettricamente carichi. I neutroni sono…neutri. La quantità di carica di un elettrone è la stessa di un protone, ma di segno opposto. (elettroni – , protoni +). Inoltre protoni e neutroni sono più grandi di un elettrone. Ora c’è una cosa sostanziale da considerare: gli atomi sono elettricamente neutri e per tale motivo il numero degli elettroni deve essere uguale al numero di protoni del nucleo. Atomi differenti hanno un numero diverso di protoni : es. idrogeno 1 protone, carbonio , uranio 92 ecc.. Ma come possiamo rappresentare un atomo? La figura sotto potrà chiarire le idee.

Atomo

Sugli orbitali che vedete nell’immagine sopra può stare un numeri preciso di elettroni. Atomi con uno o due elettroni su un orbitale potranno condividere tali elettroni isolati con altri atomi con gli orbitali quasi pieni. L’unione di più atomi tramite queste “condivisioni” di elettroni permette la formazione delle molecole attraverso legami chimici covalenti (legame , come dicevamo, tramite il quale due atomi mettono in comune delle coppie di elettroni) . Ma perché esistono queste “comunioni” di elettroni? Perché l’atomo tende al minor dispendio energetico possibile ottenibile con la stabilità della propria configurazione elettronica. Non voglio però annoiarvi più di tanto…ricordate solo una cosa fondamentale : la natura cercherà sempre di equilibrare i proprielementi. Essa non ama assolutamente gli squilibri.

Ora immaginate che gli atomi con eccesso di elettroni abbiano degli uncini (pari al numero di elettroni in eccesso) mentre quelli in difetto di elettroni abbiano degli occhielli a cui agganciare gli uncini. Nel momento in cui gli uncini si agganciano agli occhielli si forma un legame atomico.

Nell’immagine sotto potete notare come l’atomo di ossigeno ha due occhielli liberi e l’atomo di idrogeno ha un gancetto libero. In questo caso gli atomi di H possono unirsi ai due occhielli dell’Ossigeno per formare la molecola H2O , ovvero l’acqua.

LEGAMI COVALENTI_01(1)

Si tende a dire che la molecola è piccola quando c’è un numero non elevato di atomi coinvolti nella sua formazione.  Le molecole piccole sono quelle molecole che “trasportano” il gusto e l’aroma. (ciò accade perchè i nostri organi del gusto riescono a recepire solo molecole piccole e non grandi). Due sono le classi di molecole piccole molto importanti in cucina : grassi e zuccheri.

Annunci

2 risposte a “Molecole, atomi e?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...